impiante-dentale-singolo-brindisi

Grazie alla biocompatibilità del titanio gli interventi di implantologia hanno una percentuale di riuscita prossima al 100% con un mantenimento di diversi anni senza problemi.

In tal caso è possibile rimuovere l’impianto procedendo con la sostituzione delle parti in titanio. Infezioni o eventi traumatici possono pregiudicare l’impianto anche dopo la guarigione.

Perciò è interesse del paziente sottoporsi ad una verifica periodica dello stato dell’impianto dentale e curare rigorosamente la propria igiene dentale. Infatti l’igiene orale svolge un ruolo fondamentale nella lunga durata degli impianti dentali.

La placca può accumularsi intorno agli impianti dentali (così come si accumula attorno ai denti naturali) e, qualora non rimossa, potrebbe condurre ad una perdita di supporto osseo ed innescare un processo infettivo grave detto Perimplantite. Questa condizione è simile alla Parodontite, ma più grave, in quanto l’infiltrato infiammatorio può arrivare a raggiungere l’osso e rendersi ben più aggressivo. Una corretta prevenzione e adeguati controlli con eventuale pulizia dentale professionale sono indispensabili per un efficace mantenimento degli impianti dentali. I controlli permettono al dentista implantologo di verificare lo stato di salute degli impianti (oltre che lo stato di salute orale del paziente) e di intervenire tempestivamente qualora fosse necessario; la corretta prevenzione effettuata dal paziente prevede una scrupolosa igiene orale e l’adozione di uno stile di vita e di un regime alimentare sano (che eviti ad esempio l’abuso di alcolici e il consumo smodato di cibi ad alto contenuto di zuccheri) al fine di limitare il più possibile l’accumularsi della placca.